Home Page PrestitiOnline

Prestito d'onore sviluppo Italia 2015 2016 e finanziamento d'onore


Il prestito d'onore di sviluppo Italia 2015 2016 ovvero tutto sul finanziamento donore della Invitalia storia del bando al prestito d'onore per regione


Tra le ricerche fatte nel www una è relativa al quesito de cos'è il prestito d'onore? I prestiti d'onore sono dei finanziamenti accordati da stato, enti pubblici e dalla comunità europea a chi ha certi requisiti. Tuttavia, anche alcune banche concedono prestito ad honorem cioè dei prestiti che chiamano d'onore perchè vengono concessi con particolari agevolazioni e per determinati obiettivi. L'inizio della storia del primo bando di prestito d'onore si ha col decr. lgs. n. 185 del 1985, il quale introdusse la erogazione, tramite appunto il prestito donore, contributi volti alla creazione di piccole imprese sia in forma individuale che in quella societaria. Da allora i finanziamenti d'onore sono stati regolati dalla legge n. 608 del 28/11/1996 la quale ha allargato il finanziamento a livello di regione per poi, con il decr. lgs. n. 185/2000 e il decr. n. 295/2001 estenderlo a tutta Italia. Oggi il bando del prestito d'onore è gestito da Invitalia Autoimpiego cioè dall'Agenzia Nazionale per l'Attrazione degli Investimenti e dello Sviluppo d'Impresa s.p.a. già Sviluppo Italia la quale si occupa di tutto l'iter burocratico del prestito d'onore online.

Circa i requisiti comuni a tutti i prestiti donore e sui quali basare la richiesta atta ad ottenere il finanziamento c'è quello di natura territoriale: avere la residenza nel territorio italiano, alla data dell'1 gennaio 2000 o comunque almeno sei mesi prima della presentazione della domanda. Come dicevamo prima, all'inizio erano interessate solo alcune aree obbiettivo del prestito d'onore, la I, cioè la sicilia calabria sardegna basilicata puglia e campania, poi è stato esteso alle aree obiettivo II ovvero le aree in deroga come molise ed abruzzo più una serie di comuni economicamente depressi individuati nel nord Italia. Ora qualsiasi residente di un regione d'Italia può chiedere il prestito d'onore quindi anche regioni come lombardia toscana marche lazio trentino alto adige liguria veneto piemonte friuli ecc. che prima erano escluse. Passiamo ora ad una sintesi delle tre tipologie di prestiti d'onore che sono valide anche per l'imprenditoria femminile.

Allora, la domanda di prestito d'onore è volta a favorire la creazione di 3 differenti fattispecie di finanziamenti: A) prestito d'onore per creare una microimpresa; B) prestito d'onore per lavoro autonomo; C) prestito d'onore per franchising. La domanda nel corso degli ultimi anni cioè 2014 e 2015 è in costante aumento e, complice la crisi, si prevede un nuovo record nel 2016 oltre che per gli anni a seguire cioè il biennio 2017 e 2018. Brevemente e separatamente vediamo quali sono:
A) il primo e più richiesto. Il prestito d'onore per lavoro autonomo: questo tipo di finanziamento è volto alla creazione di ditte individuali per l'esercizio di attività di lavoro autonomo e/o professionale. Anche in codesto caso è necessario avere i requisiti della residenza e non occupazione sei mesi prima della richiesta. Il contributo erogato nel prestito d'onore per lavoro autonomo è al massimo di 25800 euro di cui a fondo perduto fino al 40% del contributo e il restante 60% da restituire con un mutuo agevolato. E' la forma più vantaggiosa tra i prestiti d'onore.
B) Prestito d'onore per creare una micro impresa: i prestiti d'onore per microimpresa sono volti a creare società NON di capitali ma società semplice, in accomandita semplice ed in nome collettivo. Per ottenere il prestito d'onore, almeno il 50% dei soci deve essere residente nel territorio sopra indicato e deve avere almeno sei mesi di disoccupazione precedenti la domanda. Il prestito d'onore concesso è al massimo di 129000 euro che sarè in parte a fondo perduto ed in parte restituito con un mutuo agevolato. C) Prestito d'onore per il franchising: tipo di prestito d'onore a favore di chi vuole aprire un'attivitè in franchising. Possono accedere i soggetti di cui sopra (ditta individuale e società) alle medesime condizioni e contributi erogati.

Seguono ora dei collegamenti presso i quali approfondire ogni singolo finanziamento ma soprattutto dove scaricare il modulo o i moduli per partecipare a tutti i bandi di prestito d'onore piè precisamente per ogni tipo di prestito d'onore vi è la istanza o domanda del prestito d'onore piè una serie di guide alla corretta compilazione della stessa. Argomenti correlati: finanziamenti e prestiti fiduciari ad honorem



Prestito d'onore sviluppo Italia 2016